A Trento le confessioni cristiane illuminano la Bibbia

A Trento le confessioni cristiane illuminano la Bibbia

Creare ponti per il dialogo. È questo uno degli obiettivi della seconda edizione del Festival Biblico a Trento, in programma dal 19 al 22 maggio.
Proprio la chiusura di domenica 22 maggio sarà tutta all’insegna del contributo corale delle varie confessioni cristiane che si daranno staffetta per illuminare il testo Biblico attraverso la loro tradizione e sensibilità. Si inizierà alle 18.00 con i corali della tradizione evangelica e poi, a ogni ora, seguirà un nuovo appuntamento. Ci sarà spazio per un viaggio nella tradizione ortodossa e quella etiope, l’ascolto della Parola nei musical, e, per finire, alle 22.00, nella Cattedrale di Trento, un percorso alla scoperta degli animali nascosti nella pietra. Il loro simbolismo e il loro mistero sarà svelato da don Lodovico Maule, decano del Capitolo della Cattedrale.
«La Bibbia – spiega Alessandro Martinelli, direttore del Centro Ecumenico Diocesano – è per eccellenza un libro e un patrimonio condiviso. È una pluralità di testi che si deve guardare attraverso la lente plurale delle tradizioni e delle Chiese che ad essa fanno riferimento. Per questo siamo grati alle confessioni presenti a Trento che hanno voluto affiancarsi a noi per arricchire questo Festival». «La Bibbia – aggiunge Leonardo Paris, direttore dell’Ufficio Diocesano Cultura e Università – non si rivolge a profeti o sacerdoti ma a tutti, al popolo, e per questo è capace di lasciare le sue tracce all’interno della concretezza della cultura: cinema, arte, letteratura, fumetto. Non si tratta di cercare in film o romanzi a soggetto religioso ma piuttosto di scoprirne la presenza nascosta e potente, capace di provocare gli uomini di ogni tempo, anche nei luoghi più impensati e d’altronde la domanda di giustizia, rivolta a Dio, agli uomini o a se stessi, non è qualcosa di astratto, ma attraversa le nostre società e la nostra cultura, talvolta in modo urlato, talvolta in modo ironico. Non si tratta di una domanda eludibile».


X