Comunicazione e ufficio stampa

 

Francesca Zanardo

comunicazione@festivalbiblico.it

+39 3284780660

Per le richieste di accredito agli incontri in programma inviare una mail a comunicazione@festivalbiblico.it

“siete tutti fratelli” (Mt 23,8)

 

Fratellanza è il tema della 17ª edizione del Festival Biblico

 

Vicenza, 13 gennaio 2021“siete tutti fratelli”: è questo il titolo dell’edizione 2021 del Festival Biblico che, riprendendo parte delle parole di Gesù attestate nel Vangelo di Matteo, porrà al centro del proprio percorso la fratellanza universale. Un tema che – come ha fatto papa Francesco ispirandosi a Francesco d’Assisi con l’enciclica Fratelli tutti sulla fraternità e l’amicizia sociale – è oggi particolarmente significativo e necessario sottolineare. 

 

Il Festival Biblico proseguirà il lavoro intrapreso nel 2020, dando vita nel corso dell’anno a una programmazione mista in cui eventi e format “digitali” si alterneranno a momenti dal vivo e che si aprirà domenica 24 gennaio – in occasione della Domenica della Parola – con un appuntamento online che ospiterà Mariangela Gualtieri, poetessa e drammaturga, e padre Bernardo Francesco Gianni, abate di San Miniato al Monte, moderati dallo scrittore e conduttore Edoardo Camurri. L’incontro si terrà alle ore 19:00 e potrà essere seguito in diretta sui canali Facebook e YouTube del Festival e sul sito www.festivalbiblico.it.

 

Nelle cosiddette culture occidentali il tema della fratellanza – uomini e donne, fratelli e sorelle – sembra non essere nuovo, ma oggi esso non è scontato. Non si può infatti non osservare come ai nostri giorni la fraternità e la fratellanza universali, così spesso retoricamente affermate, nell’effettività di tante vite risultino spesso marginali e irrilevanti, se non assenti.

 

Dei tre elementi emblematicamente proclamati dalla rivoluzione francese (libertà, uguaglianza, fraternità), elementi non esenti anche da echi biblici e cristiani pur secolarizzati, la fratellanza non ha avuto la stessa fortuna della libertà e (in parte) dell’uguaglianza. Ne è riprova il fatto che oggi ci sembra importante essere liberi, ma facciamo facilmente a meno della fraternità. Di fatto, in un’epoca tendenzialmente contrassegnata da un pluralismo senza confini, le differenziazioni e le singolarità rischiano di diventare talmente tante che presso i loro latori può persino cadere nell’oblio la coscienza dell’appartenenza comune a un’unica umanità.

 

A questo si aggiunge che non siamo ancora in grado di ben discernere le ricadute che su tutto questo potrà avere la situazione inattesa e inedita creatasi con la pandemia che affligge gran parte della Terra, la quale oltre a rivelare la nostra fragilità ha giocoforza creato le condizioni per un isolamento sanitario e sociale che incide e inciderà sugli stili e le scelte di vita individuali e sociali.

 

A fronte di tutto ciò riprendere e riaccreditare la condizione di fratellanza universale rappresenta una risorsa vitale per la qualità della vita degli uomini nel mondo. Essa si può meglio comprendere cogliendo come viva in due dimensioni che meritano di essere approfondite. 

 

Come principio laico che figura nel primo articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani“Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza” – essa è sicuramente legata, anche se non esattamente coincidente, alla nozione di fraternità, ed entrambe hanno a che fare con il legame naturale tra chi nasce nella stessa famiglia. Se la parola fratellanza riferisce chiaramente a una sorta di parità di diritti tra tutti gli esseri umani e al vincolo e dovere che ne conseguono, il termine fraternità, con gli avverbi e gli aggettivi derivati, indica atteggiamenti e rapporti all’insegna di un’origine comune. 

 

L’idea di fratellanza come emerge dalla vita e dall’insegnamento di Cristo – e da come è affiorata in alcune vicende rilevanti della tradizione spirituale e sociale cristiana che s’improntano alle Scritture ebraico-cristiane – fa chiaramente riferimento all’idea di figliolanza di tutti gli esseri umani, raccolti dalla paternità di Dio, da cui deriva la relazione fraterna tra di loro. Anche se spesso si parla di fratellanza/fraternità per indicare la parità, bisogna ricordare – come la Bibbia racconta in molti luoghi e modi sia nel Primo che nel Nuovo Testamento – che essere tutti fratelli implica la differenza oltre che l’uguaglianza: salvo casi particolari essere fratelli/sorelle significa, ad esempio, avere differenza di genere, di età, di posizione nella famiglia, di interessi, di compiti. Fratellanza dunque non significa semplicemente uguaglianza, ma assunzione della differenza, e chiede la capacità di far crescere un’umanità che si caratterizza come diversità riconciliata. Ed è proprio la differenza tra i fratelli/sorelle che – pur con tutte le difficoltà, i conflitti e i fallimenti che la cosa può portare con sé – consente di imparare la relazione buona che è sempre relazione con l’alterità, con qualcuno che pur essendo come me, tuttavia è altro e diverso da me.

 

La fraternità che ci unisce e unisce il mondo riguarda pertanto tutti gli esseri umani, non solo alcuni o alcune. Li riguarda (e ci riguarda) sia per la comune appartenenza alla famiglia umana, sia per la figliolanza di tutti nella paternità di Dio. Dunque essa, nelle sue implicanze individuali e sociali, non ammette «scartati» e non si radica solo su legami di sangue o familiari o su colleganze di gruppo. Con essa è piuttosto in gioco l’appartenenza e il contributo di ciascuno alla comune umanità. Inizia con atteggiamenti e azioni che s’improntano al rispetto e al riconoscimento di ogni altro e della dignità della sua vita e, oltre ogni divisione, giudizio e indifferenza, evolve e matura nella giustizia, vicinanza, responsabilità e solidarietà praticate da chi – singolo o società con le proprie diverse strutture (personali e comunitarie; psicologiche, giuridiche, economiche, culturali ecc.) – sa rispondere e risponde effettivamente all’appello che la vita dell’altro, ogni altra vita umana a cominciare da quelle più deboli, sempre gli lancia convocandone la libertà: “Fa’ che io viva!”.

 

Si tratta di pensarci insieme e insieme alla Terra e ne va della qualità umana della vita umana nostra e di ogni altro, ad un tempo appellante e appellato.

Archivio comunicati stampa

Comunicato stampa Festival Biblico special > comunicato stampa 2 settembre 2020

 

Comunicato stampa Festival Biblico “in villeggiatura” > comunicato stampa 14 luglio 2020

 

Comunicato stampa Festival Biblico extra > comunicato stampa 30 aprile 2020

 

Comunicato stampa Festival Biblico extra > comunicato stampa 14 aprile 2020

 

Comunicato stampa sospensione Festival Biblico di maggio > comunicato stampa 19 marzo 2020

 

Comunicato stampa 25 gennaio Settanta volte sette > comunicato stampa 8 gennaio 2020

 

Comunicato stampa tema 2020 > comunicato stampa 30 ottobre 2019

 

 

 

 

 

 

 

X