Brindisi, l’appello di Bregantini

Brindisi, l’appello di Bregantini

L’attentato di Brindisi sta scuotendo l’Italia. E anche il Festival Biblico si unisce allo sdegno e alla preghiera per la barbara aggressione verso gli studenti della scuola Falcone.

Facciamo nostre le parole di un ospite del prossimo Festival, monsignor GianCarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Bojano, una delle voci più autorevoli del Sud Italia.

Ecco il testo diffuso dall’arcidiocesi molisana:

“Il nemico della violenza  si è svegliato con più ferocia. La tragedia avvenuta a Brindisi stamattina ci lascia tutti sconcertati perché è un atto sterminatore che riflette la mentalità mafiosa e terroristica che non tiene conto del valore inviolabile della vita.

Esprimo tutto il mio cordoglio per quanto è stato compiuto nel nome della morte e del male. E condanno la malvagità disumana che si è scagliata contro gli indifesi, i nostri candidi ragazzi, le nostre scuole, il nostro Sud, che sarà ancor di più emarginato perché ancora terra macchiata col sangue innocente.

Mi unisco soprattutto al dolore della famiglia che ha perso a causa dell’esplosione la ragazza di 16 anni, Melissa; esprimo vicinanza e preghiera  al dirigente scolastico, a tutti gli studenti, agli insegnanti, all’intera diocesi, guidata dal suo pastore  Rocco Talucci,  alla città di Brindisi e alla Regione Puglia.

Lo dico proprio con il cuore aperto: basta morte e spargimento di sangue! Occorre arginare la violenza, la corruzione, la malavita e la paura con percorsi più convincenti di legalità, di unità, di solidarietà, di sicurezza e di tutela della vita. Il Signore soccorra l’umanità ferita con grande Misericordia”.

+padre GianCarlo, arcivescovo



X