Donne e Bibbia con Veladiano e Valerio

Donne e Bibbia con Veladiano e Valerio

Un pubblico talmente numeroso da richiedere un cambio sala e prevalentemente femminile ha assistito oggi, venerdì 30 maggio, alle 16, al Centro Studi Presenza Donna, alla presentazione del libro “Le Ribelli di Dio – Donne e Bibbia tra mito e storia”di Adriana Valerio , storica e teologa. Si è parlato di donne e Sacra Scrittura e dell’esigenza di reinterpretare la tradizione biblica alla luce della presenza femminile nel Testo Sacro.”Il libro si sta diffondendo velocemente – ha testimoniato Adriana Valerio – anche grazie al Coordinamento delle Teologhe Italiane che sta cercando di promuoverlo nel contesto nazionale perché finalmente si parli di più di Donne e Bibbia. La pubblicazione, affidata a Feltrinelli, lo sta facendo arrivare ad un pubblico laico più vasto di quello degli specialisti. Si sente da più parti il bisogno di una nuova narrazione delle figure femminili della Bibbia, rese invisibili o travisate nella lettura millenaria del Testo Sacro. Le donne bibliche sono donne del passato, ma pure dei punti di riferimento importanti e tuttora validi: con coraggio e caparbietà prendono in mano il loro destino e le loro storie sono talmente forti che sono sopravvissute ad una trasmissione gerarchica e patriarcale della Scrittura. La Chiesa oggi deve tenere conto della memoria di queste donne e di quanto le loro azioni siano state apprezzate da Gesù nel Nuovo Testamento”.”Il testo di Adriana Valerio è una rassegna di donne che vivono sotto il segno della libertà in Dio – ha ribattuto Mariapia Veladiano , che ha moderato l’appuntamento in un coinvolgente dialogo con l’autrice – il profilo di Eva, quello di Rut, quello di Ester, brillano per il loro amore, per il loro piegare la legge alla potenza della vita. La stessa corporeità femminile viene totalmente accettata da Cristo: le donne sono salvate, protette, amate, esattamente come gli uomini, ma spesso questo non è stato compreso da una Chiesa che ha dato più visibilità all’elemento maschile”.L’incontro di oggi ha voluto essere un tentativo innovativo di raccontare la Scrittura dal punto di vista dell’ “altra metà del cielo”, proponendo una memoria delle donne nella Scrittura che venga valorizzata e adeguatamente capita.

 



X