Guglielmo Camera e i martiri moderni

Guglielmo Camera e i martiri moderni

Beati i perseguitati per causa mia: questa scomoda frase del Vangelo continua ad essere attuale anche oggi, nel terzo millennio cristiano. A dirlo è stato padre Guglielmo Camera , saveriano e postulatore della causa dei santi, protagonista ieri sera, 29 maggio, dell’incontro presso la Casa Missionaria di Viale Trento, a Vicenza.
I martiri di oggi – dai monaci di Tibhirine a monsignor Luigi Padovese – sono stati al centro  della sua interessante conferenza, organizzata a margine di una delle mostre del Festival Biblico, ospitata proprio presso i Saveriani. L’esposizione è invece costituita da 20 pannelli fotografici che raccontalo 12 storie di martirio del nostro tempo: Annalena Tonelli, suor Dorothy Stang, donAndrea Santoro, padre Bernard Digal, morto durante le violenze anti-cristianein India nel 2008 e altri testimoni della fede Accompagna la Mostra un video di 18 minuti, curato dalla redazione di “Mondo e Missione” e realizzato da Valerio Bassan, con immagini, brevi filmati e testimonianze sui personaggi descritti nella Mostra e sul senso cristiano del martirio.



X