Scola, coltivare l’uomo per custodire il Creare

Scola, coltivare l’uomo per custodire il Creare

“Noi uomini del Terzo Millennio siamo testimoni, ma anche protagonisti in prima persona, di una profonda trascuratezza del Creato che ha portato ad una separazione così radicale tra uomo e cosmo da indurre l’uomo a non concepirsi più come parte del Creato e a non cogliere più la sapienza del mondo. Per assumere fino in fondo la custodia del creato, è necessario coltivare l’uomo. Riprendere di nuovo la domanda: chi è l’uomo, qual è il suo posto e il suo compito nel mondo?”. Così il cardinale Angelo Scola , arcivescovo di Milano e già patriarca a Venezia, teologo e filosofo, ieri sera, nel bellissimo tempio francescano di San Lorenzo a Vicenza ha aperto, con un’intensa riflessione sul tema ‘Custodire il Creato, coltivare l’Umano ,’ la XI edizione del Festival Biblico di Vicenza accompagnato dal giornalista Armando Torno .



X