Una grande festa giovani

Una grande festa giovani

È stata una vera festa della musica e dei giovani quella che ieri sera si è tenuta al Festival Biblico nello Spazio Incontri di Piazza Duomo a Vicenza. L’occasione, la premiazione dei vincitori di ‘Una canzone in cui credere – Premio Friuladria’ , il contest musicale del Festival Biblico ideato da Radio ViGiova e promosso da Friuladria . Tanti gli ospiti: Patrizia Laquidara , madrina del contest, il rap romano Miura , vincitore, i Goodbye Visa , che all’interno del concorso hanno ricevuto una menzione speciale da Edoardo Bennato e i The Sun , intervenuti per la presentazione del libro del loro frontman Francesco Lorenzi , edito da Rizzoli, ‘La strada del sole’ . Presentatori d’eccezione gli impeccabili giornalisti Antonio Stefanie Stefano Ferrio . “Miura è un rap poetico, che usa un linguaggio musicale attuale – ha esordito Patrizia Laquidara – ho votato subito per lui, perché ha affrontato un tema difficilissimo e complicato, quello degli sbarchi degli immigrati. Poteva affrontarlo in modo antipatico e fuori luogo e invece ha dato una grandissima prova di maturità artistica. Miura rispecchia perfettamente lo spirito di ‘Una canzone in cui credere’ che è un contest under 35 che prima di ogni altra cosa interroga i partecipanti chiedendogli di esprimere attraverso le loro canzoni quello che pensano, quello che sognano, quello in cui credono. Ci sono tanto concorsi, anche televisivi, ormai, che mettono in risalto anche voci straordinarie, tecnicamente perfette, ma se ci si dimentica del significato profondo di un testo di una canzone, non si va da nessuna parte. Molto lieta di fare anche quest’anno la madrina di questa bella iniziativa”. “Sono veramente felice – ha aggiunto Carlo Crosara, presidente di Friuladria , consegnando il Premio a Miura, che si aggiudica la realizzazione di un song book professionale col Bee Studio – perché questa sera è un giovane di 22 a insegnarci la vita. E sono orgogliosissimo di annunciarvi, che oltre al premio, Miura avrà la possibilità di cantare in occasione della serata d’onore dal titolo “I nostri angeli” del Premio Giornalistico Marco Luchetta, che si terrà il 3 luglio, evento che Friuladria sostiene da sempre. La serata sarà poi trasmessa, la settimana successiva, su Rai 1″. Dopo l’esecuzione di alcuni brani di Miura come ‘Casa mia’, brano vincitore e Memento, sul palco si sono succeduti i The Sun, che hanno raccontato tutta la loro carriera, dagli esordi al grande cambiamento artistico e spirituale degli ultimi anni, e i Goodbye Visa, che, a fine serata, hanno ritirato anche loro la targa di menzione speciale. La vittoria di Miura e dei Goodbye è stata decisa, oltre che da Edoardo Bennato e Patrizia Laquidara, anche dalla giuria di qualità composta da altri 8 professionisti del settore tra cui critici, giornalisti e addetti ai lavori. Tra gli altri, Tamara Taylor, conduttrice storica radiofonica di R101 e di Rds e Giorgiana Cristalli e Elisabetta Malvagna, giornaliste Ansa e inviate, tra l’altro, al Festival di Sanremo. Anche quest’anno sarà possibile partecipare a “Una canzone in cui credere – Premio FriulAdria”, il contest musicale nazionale targato Festival Biblico e ideato da Radio Vigiova dedicato a tutti gli artisti under 35, iscrivendosi gratuitamente fino al 31 luglio sul sito www.unacanzoneincuicredere.it.



X